1. Introduzione

Quando eseguiamo delle azioni nella nostra vita quotidiana, raccogliamo le conseguenze di tali azioni sotto forma di meriti e di peccati. I meriti e i peccati determinano la quantità di felicità o di dolore che sperimentiamo. Pertanto, è importante capire come evitare azioni peccaminose. Anche se la maggior parte delle persone lotta per avere una vita felice, coloro che desiderano crescere spiritualmente possono voler capire perché anche troppi meriti, sono indesiderabili durante il percorso spirituale verso la realizzazione in Dio.

2. Definizione di meriti e peccati

Un merito è la conseguenza di un atto virtuoso, per cui sperimentiamo felicità. Meriti sono l’energia speciale acquisita o l’abilità sviluppata da devoto seguendo uno stile di vita giusto. Ad esempio, aiutare amici con problemi finanziari o dare loro dei consigli, comporta dei meriti. La giustizia e la giusta condotta sono stati descritti in grande dettaglio in tanti testi Sacri. Per merito, offriamo benessere ad altri. Ad esempio, effettuare donazioni verso una organizzazione che si occupa della lotta contro il cancro può aiutare un determinato numero di pazienti affetti da tale malattia, il che a sua volta porta a dei meriti.

Il peccato è la conseguenza di un atto cattivo e ci porta in cambio dolore. I peccati sono generati da quegli atti che sono responsabili del declino di qualcun altro. Sono generati da atti che escono o sono contrari alle Leggi della Natura e di Dio. Ad esempio, un venditore di mercato che truffa i suoi clienti fa’ peccato. I peccati vengono generati anche quando non si assolvono i propri doveri, ad es. quando un genitore non cura i bisogni dei propri figli o un medico non cura i propri pazienti.

Meriti e peccati possono essere affrontati in questa vita, nell’aldilà o in una delle nostre prossime vite.

Meriti e peccati sono più sottili del conto dare-e-prendere. Ciò è dovuto al fatto che è abbastanza facile comprendere l’account dare-e-prendere ad esempio, all’interno di una famiglia, ma è più difficile capire perché qualcuno offende uno sconosciuto.

3. Cause di meriti e peccati

Esiste un certo numero di motivi che potrebbero comportare dei meriti. I più comuni sono:

  • Effettuare atti benevolenti
  • Seguire la retta via come descritto dai testi Sacri
  • Sacrificare noi stessi per la pratica spirituale di un’altra persona (sādhanā). Ad esempio, una figlia al ritorno dal lavoro si occupa dei lavori domestici in modo da permettere alla madre di andare in pellegrinaggio, in questo caso, si ottiene la metà del merito che la madre guadagna facendo il pellegrinaggio. Tuttavia, per quanto possibile, è consigliabile non eseguire la pratica spirituale facendo affidamento su altri.

Alcuni dei motivi per i quali pecchiamo sono:

  • Egoismo e desiderio in forma di rabbia, avidità e invidia che portano un individuo a peccare
  • Essere irreprensibili o crudeli
  • Parlare senza rispetto ad un mendicante
  • Mangiare carne e bere alcool
  • Vendere articoli proibiti, non ripagare i debiti, effettuare transazioni come “soldi in nero”, gioco d’azzardo
  • Fare falsa testimonianza, fare false accuse
  • Rubare
  • Adulterio, incesto, stupro, ecc.
  • Violenza
  • Uccidere gli animali
  • Suicidarsi
  • Spesa inappropriata e appropriazione indebita di ricchezza di Dio, di un tempio, di un’organizzazione spirituale, ecc.
  • I peccati sono sostenuti dagli avvocati quando proiettano la verità come falsa e viceversa
  • Un marito ottiene la metà dei peccati della moglie poiché non le impedisce di commettere il peccato
  • Una moglie che spende i soldi guadagnati dal marito per cause ingiuste e non fa niente per evitarlo pur sapendolo
  • Associarsi con un peccatore per un anno diventando parte dei suoi peccati

4. Effetti dei meriti e dei peccati

4.1 Effetti dei meriti sotto forma di felicità

Sulla regione terrestre (Bhūlok) una persona sperimenta una felicità proporzionale alla quantità dei meriti compiuti come segue, e ai meriti ottenuti  compiendo azioni con aspettative durante la vita sulla Terra, acquisendo la felicità del Cielo (Swarga):

  • Nascita in una famiglia ricca e colta
  • Crescita del reddito
  • Piaceri mondani
  • Il compimento dei desideri
  • Una vita sana
  • Lode e riconoscimento da parte della società, delle organizzazioni e del governo
  • Il progresso spirituale
  • La gioia del Paradiso dopo la morte

Nascere come essere umano, in una famiglia di buon casato, ricca, essere longevi, possedere un corpo sano, avere dei buoni amici, dei buoni figli, un coniuge amorevole, la devozione a Dio, l’intelligenza, la cortesia, la forza di vincere i desideri e un’inclinazione verso le offerte ai più bisognosi, sono aspetti che sono impossibili da raggiungere senza dei meriti nelle vite passate. Quando tutte tali condizioni sono presenti, l’individuo che ne beneficia e svolge della pratica spirituale, progredisce spiritualmente.

Quando il merito collettivo aumenta, la nazione eccelle nella sua filosofia e condotta, e diventa prospera.

4.2 Effetti dei peccati sotto forma di infelicità

Si prega di vedere il nostro articolo sulle conseguenze del peccato.

5. Come si guadagnano peccati e meriti?

Per comprendere i concetti del merito e del peccato, è importante comprendere l’intenzione di qualsiasi azione. Ciò risulterà chiaro dalla tabella seguente, dove abbiamo presentato l’atteggiamento dietro l’atto del guadagnare denaro e l’intenzione di spenderlo attraverso diversi esempi. La gravità del peccato e del merito derivante da questo è dato accanto ad ogni esempio.

6. Limiti dei meriti

Dal punto di vista della crescita spirituale, ci sono limiti per quanto riguarda i meriti.

6.1 La conseguenza dei meriti deve essere sperimentata

Una vita meritevole porta un individuo alla regione del Paradiso nell’aldilà, ma una volta che il merito è esaurito, la persona deve ritornare sulla Terra nella sua prossima nascita. Quindi i meriti sono anche un tipo di imbrigliamento. Solo la pratica spirituale può portarci alla Liberazione Finale (Moksha).

6.2 Sperimentare la felicità, infine, esaurisce il merito

Quando sperimentiamo la felicità in ogni momento, esauriremo il nostro merito, quindi bisogna lavorare duramente per aumentare il merito. Ciò è possibile attraverso azioni meritevoli o pratiche spirituali. La differenza è che le azioni meritevoli offrono felicità, mentre la pratica spirituale porta avanti con il progresso spirituale, il che significa che offre Beatitudine (Ānand), che va al di là del merito – peccato, gioia e dolore. Come sottoprodotto, c’è felicità.

7. Sommario – meriti e peccati

Comprendere la differenza tra meriti e peccati, nonché la profondità e la durata del loro effetto su di noi aiuta a guidare il nostro comportamento e le azioni. Tuttavia, per essere liberi da entrambi, è necessario eseguire una pratica spirituale regolare.

 “Né il merito è il salvatore nella natura, né è il peccato il distruttore nella natura, solo l’emozione spirituale (bhàv) è il salvatore nella natura”. – Sua Santità Kane Maharaj, Narayangaon, Pune, Maharashtra, India.