Analisi scientifiche delle particelle Divine

Sommario

  1. Bhaabha Centro di Ricerca Nucleare (BARC), Reparto Ambientale per la Valutazione: Le particelle Divine non contengono dei metalli.
  2. Bhabha Centro di Ricerca d’Energia Nucleare (BARC), Reparto dello Sviluppo dei Prodotti: Le particelle Divine non contegno dei metalli.
  3. Istituto Indiano della Scienza d’Educazione e Centro di Ricerca, Kolkata, Reparto della scienza Fisica: Queste particelle Divine sono esagonali ma esse non sono cristallini. Esse non sono dei derivati da uno oppure tanti metalli conosciuti.
  4. Istituto Indiano della Tecnologia, Mumbai: Queste particelle Divine sono fatte di Carbonio, Azoto e Ossigeno.

Per capire la comparsa delle particelle Divine, per favore leggi il nostro articolo Particelle Divine –  materializzazione spontanea e la loro analisi.

1. Introduzione – descrizione del colore e forma delle particelle Divine

1.1 Particelle Divine nella forma sciolta

Colore: La maggior parte delle particelle Divine trovate dai cercatori erano argentate e dorate. Ad una estensione inferiore i cercatori hanno anche trovato delle particelle Divine colorate: marroni, rosse, rosa, blu, blu pavone, verdi, arancione e indigo. Pochi cercatori hanno anche trovato delle particelle Divine che erano dorate da un lato e dall’altro marroni. Altri cercatori hanno trovato delle  particelle Divine che erano cristalline. Una speciale caratteristica di queste  particelle Divine era, che quando le si guardava da diversi punti di vista esse mostravano dei differenti colori.

Dimensione: La loro dimensione è generalmente di 0.5mm.

1.2 Particelle Divine che appaiano come un sottile strato

Colore: Cercatori hanno trovato anche delle particelle Divine dorate che appaiano come uno strato sottile sull’immagine di Sua Santità Dr. Athavale Guru, Sua Santità Bhaktaraj Maharaj e su un giornale spirituale quotidiano. Delle particelle argentate sono state anche viste sulla pelle di S.S. Dr. Athavale nella forma di uno strato sottile.

Forma: A volte le particelle Divine individuali si attaccano l’una all’altra e formano come uno strato di crosta. In questi casi le particelle individuali Divine sono molto minuscole a confronto delle particelle Divine sciolte. Queste particelle Divine hanno la dimensione della punta di un ago, oppure all’incirca 0.1mm.

1.3 Particelle Divine come un filo

Colore: Finora solo S.S. Lola Vezilić dall’Europa trovò delle particelle Divine simili ad un filo. Esse erano dorate, argentate, rosa e del colore verde pavone.

Forma: Questi fili avevano il diametro di un filo da cucito. Essi erano lunghi all’incirca 10 fino a15 cm.

2. Conclusioni tratte dalle analisi scientifiche delle particelle Divine

In modo da comprendere l’esatta natura delle particelle Divine, dei test sono stati eseguiti su di esse al “Bhabha Centro di Ricerca Atomico” (BARC) Mumbai, nel “Reparto della Scienza Fisica” del “Istituto Indiano della Educazione e Ricerca, Kolkata, e “Istituto Indiano della Tecnologia” (IIT) Mumbai. Le conclusioni tratte dai testi soprastanti vengono mostrate sotto.

2.1 Particelle Divine di tutti i colori sono esagonali, ma esse non sono cristallini.

2.2 Le particelle Divine ricadano nella categoria ” sostanza inorganica” e non sono dei metalli

  1. Le particelle Divine non si dissolvono nell’Acqua regia (miscela di una parte concentrata di acido nitrico e 3 parti concentrate di acido cloridrico). (I metalli si dissolvono nell’Aqua regia.) Questo vuol dire che le particelle Divine non contengono qualsiasi metallo comune.
  2. Nell’ “Analisi Elementare” condotta nel BARC e IIT, è stato scoperto che le  particelle Divine non contengono dell’oro, argento oppure qualsiasi altro metallo. Perciò, esse non sono classificate come metalli nella categoria di materia inorganica.
  3. Il concentrato di acido nitrico non aveva alcun effetto sulle particelle Divine. (Tutte le sostanze organiche si dissolvono nel concentrato acido nitrico.) Questo prova che le particelle Divine non sono delle sostanze organiche.
  4. Le particelle Divine sono state sospese nell’Aqua regia per 24 ore, e questa soluzione di Aqua regia è stata filtrata attraverso un filtro di carta. Le particelle residue sul filtro di carta sono state riscaldate su un “fornello a gas” ad una temperatura di 700 fino à 800 gradi Celsius per 45 minuti. Esse hanno perso il colore ma hanno tenuto la loro lucidità originale.
  5. Le particelle Divine di tutti gli altri colori, eccetto le dorate, contengono elementi di carbonio, nitrogeno e ossigeno. Le particelle dorate contengono solo due elementi, carbonio e ossigeno. Anche se tutte le  particelle Divine contengono un massimo di proporzione dell’elemento carbonio, esse non contengono l’elemento dell’idrogeno. Perciò, le particelle Divine non sono delle sostanze organiche. Esse sono classificate come non metalli nella categoria delle sostanze ororganiche.

Analisi delle particelle Divine del BARC

Analysis of Divine particles

[clicca per aprire]

2.3 Le loro formule chimiche secondo la proporzione del principale componente carbonio, nitrogeno e ossigeno

 Particelle Divine Formula chimica
1. Marroni C3NO
2. Verdi C3NO
3. Rosse C9NO2
4. Argento C11NO4
5. Dorate C4O
  • Le particelle Divine sono una nuova entità: Le formule chimiche soprastanti delle particelle Divine confermano che esse non sono simili a qualsiasi particella conosciuta. Questo conferma che esse sono qualcosa di nuovo.
  • In confronto alla proporzione delle componenti delle particelle Divine con quelle del suolo, atmosfera e corpo umano: La proporzione di carbonio nelle particelle Divine è del 54% al 72%, di nitrogeno è del 0 al 20% e la proporzione di ossigeno è del 22% al 31%.
  • Confronto del suolo e delle particelle Divine: Le componenti principali del suolo sono il silicio e l’ossido di alluminio. Anche il suolo ha dell’ossido di altri metalli. La proporzione del carbonio nel suolo è meno del 1%, mentre la proporzione del carbonio nelle particelle Divine è più grande del 50%. Altrettanto la proporzione di azoto nel suolo è insignificante, mentre la proporzione dell’azoto nelle particelle Divine va dal 0 al 20%. Questo mostra che queste particelle non sono generate sulla terra e trasferite sul corpo di S.S. Dr. Athavale, cercatori oppure i loro effetti personali oppure verso l’ambiente.
  • Confronto tra l’atmosfera e le particelle Divine: L’atmosfera ha 78% azoto e 21% ossigeno, ma la proporzione di carbonio è insignificante. Tuttavia, la proporzione del carbonio nelle particelle Divine è superiore al 50%. Questo mostra che la creazione naturale delle particelle Divine  dalle componenti dell’atmosfera è impossibile. Questa è possibile soltanto grazie alla risoluzione oppure secondo il piano di Dio.
  • Confronto tra il corpo umano e le particelle Divine: Il corpo umano ha sostanzialmente 65% ossigeno, 18% carbonio, 10% idrogeno e 3% azoto. La proporzione dell’idrogeno nelle particelle Divine è 0%. Tuttavia, se confrontate alle componenti del suolo, dell’atmosfera e del corpo umano, sono fatte da particelle Divine, quindi le componenti delle particelle Divine sono simili alle componenti chimiche del corpo umano.

Prima di tutto queste particelle sono state viste sul corpo di S.S. Dr. Athavale. In seguito sono state viste sul corpo di certi Santi e anche cercatori. Queste particelle sono la manifestazione della congregazione della Coscienza Divina (Chaitanya) che viene emanata dal corpo di individui spiritualmente evoluti, con cui si intende la manifestazione della congregazione dell’energia organica sulla pelle.

Analysis of Divine particles by Indian Institute of Technology (Mumbai, India)

Dorate Argentate Corallo Rosso Verdi

[Clicca su ogni colore per vedere]

3. Le componenti chimiche dei lustrini che sono disponibili sul mercato

I lustrini sono delle piccole parti (all’incirca 1mm2) capaci di riflettere la luce. Per realizzarli vengono usati,  plastica,  d’alluminio, diossido di titanio (TiO2), ossido di ferro (FeO, Fe2O3), e vernice con metalli, neon oppure altri elementi che possono riflettere vari colori.

Le particelle Divine non hanno nessuna componente dei lustrini che vengono trovati sul mercato. Anche se i lustrini appaiano come qualcosa di simile alle particelle Divine, c’è una differenza nella brillantezza. Le particelle Divine sono radiose e esse hanno un’aura intorno.

4. Una diagnosi con il pendolo delle  particelle Divine mostra che esse contengono dell’energia positiva

5. Reazione degli scientisti

Il tema delle particelle Divine è stato presentato nella 17esima conferenza della “Società Aerobiologica Indiana” a Pune (India) il 18 dicembre 2012. All’evento hanno partecipato 178 scienziati. Sotto alcune delle loro risposte.

  • Dr. D. N. Patil, Professore Biologia, B.J.S. College, Wagholi, Pune: “La vostra analisi sulle particelle Divine fornirà un grande contributo al settore della scienza a Bharat.”

  • Signora Deepa Krushnamurthi, Professore, M.A.C.S. College (associato a M.I.T.), Pune: “Ho ricevuto una spiegazione sulla Spiritualità in una lingua scientifica. Vorrei sapere di più sulle “particelle Divine.”

  • Dr. S. Debnath, Microbiologista, Jorhat, Assam: “La ricerca è essenziale sul soggetto delle “particelle  Divine”. Questo soggetto stimola tanta curiosità. Questa ricerca fornirà definitivamente dei risultati positivi.”

  • Dr. A.H. Rajasab, Capo del Reparto della laurea specializzata sulla educazione e ricerca (Botanica), Gulbarga, Karnataka: “Le particelle Divine” sono un buon soggetto. Lasciateci condurre delle ricerche su di esse.’

  • Dr. Sudam Jogdand, Reparto di Botanica, Yashavantrao Mohite College, Pune: “Come effetto delle particelle Divine, l’entusiasmo è aumentato, e anche  l’efficacia per il lavoro. Faccio appello agli aerobiologici per condurre ricerche su cosa è la fonte di queste particelle Divine, da dove esse vengono emesse, come vengono trasmesse, in quale genere esse sono state trovate e quali sono i loro effetti.”

  • Prof. Anuradha Jape-Kulkarni, Professore, Yashavantrao Mohite College, Bhrati Università, Pune: “Il soggetto delle “particelle Divine” è Divino esso stesso. Solo individui qualificati dovrebbero condurre una ricerca su di esse e dovrebbe essere eseguita con fede. Vorrei eseguire questa ricerca. Studierò tutte le informazioni fornite da voi a riguardo delle “particelle Divine”.

  • Dr. Surekha Katkar, Capo del Reparto di Botanica, Istituto di Scienza, Nagpur: “Condurremo delle ricerche sul soggetto delle “particelle Divine”. Questo soggetto aumenta la curiosità. Se la Spiritualità e la scienza si uniranno, libereranno l’intera umanità.”