Tecnica di Autosuggestione A1

Tecnica di Autosuggestione A1

1. Introduzione all’autosuggestione A1

Le nostre azioni, parole e pensieri hanno la forza di affliggere non solo noi ma anche le persone con cui entriamo in contatto. Da una parte possono portare a dei cambiamenti positivi e motivare entrambi, noi stessi e gli altri. Dall’altra parte, quando le nostre azioni, parole e pensieri sono inappropriati posso scoraggiare, ignorare e danneggiare gli altri. Anche se diamo del nostro meglio e malgrado le nostre migliori intenzioni e sforzi, è inevitabile che ad un certo punto nella nostra vita, sbagliamo e falliamo.

Questi sbagli/difetti possono essere irrilevanti, per esempio possiamo essere in ritardo al lavoro e realizzare con frustrazione che abbiamo dimenticato la chiave della macchina nell’appartamento dopo aver preso l’ascensore dieci piani più giù. Avvolte, facciamo anche dei gravi sbagli, come avere pregiudizi, il che ci costa un cliente chiave.  Fondamentalmente, ogni sbaglio causa dello stress e del fastidio ad un certo livello. Essi possono rovinare le relazioni, costare soldi e sprecare del tempo ed energia.

Ognuno possiede un proprio modo di elaborare questo fastidio. Spesso, le persone vogliono superare subito lo sbaglio e così non dedicano tanto tempo rifletterci sopra. Dall’altra parte, certi di noi provano a riflettere e ad imparare dagli sbagli, così da poterci reinventare e crescere con sforzi per perfezionare i talenti, correggere le brutte abitudini e migliorare noi stessi in generale.  Forse abbiamo successo fino ad un certo punto, ma normalmente siamo  incapaci di cambiare noi stessi completamente. Questo perché le nostre azioni, pensieri ed emozioni scorrette affondano la radice nelle impressioni presenti nella nostra mente subconscia e per superarle, abbiamo bisogno di energia spirituale.

Psichiatri e maestri dell’auto miglioramento hanno studiato come le persone possono cambiare se stesse dettagliatamente e tante ricerca sono state pubblicate su questo argomento. Tuttavia, solo pochi degli studi di ricerca oppure informazioni disponibili su come le persone possono cambiare se stesse, prendono in considerazione le impressioni nella nostra mente subconscia e anche a livello superficiale. La ragione del perché facciamo l’esperienza delle stesse fastidiose situazioni sempre e sempre è per le impressioni negative (nella nostra mente subconscia) non vengono indirizzate/corrette, così esse rimangono e influenzano negativamente il nostro comportamento. Per esempio, noi ci arrabbiamo quando sappiamo intellettualmente che non è d’aiuto, proviamo della gelosia nei confronti degli altri anche se non vogliamo sentirci così, oppure continuiamo ad arrivare tardi al lavoro anche se sappiamo che questo non fa piacere al nostro superiore.

Le autosuggestioni danno l’energia spirituale necessaria per nullificare le impressioni negative. Come spiegato nell’articolo precedente in questa serie, “Cos’è un’autosuggestione?”, le autosuggestioni indirizzano le nostre impressioni nella nostra mente subconscia, e ci rendono capaci di giungere a cambiamenti persistenti positivi nella nostra personalità.

Ci sono differenti tipi di autosuggestioni per diverse situazioni. In quest’articolo viene trattata la tecnica A1 per modificare le azioni, i pensieri e le emozioni scorrette. Addizionalmente, la tecnica di autosuggestione può essere usata per superare le dipendenze come il fumo, il bere, la dipendenza da gioco etc.  e le cattive abitudini come tartagliare, enuresi notturna, mangiare le unghie, etc. Tale passaggio viene trattato dettagliatamente nella sezione 7.

2. Definizione della tecnica di autosuggestione A1

La tecnica di autosuggestione A1 crea una consapevolezza di tutti i pensieri, le emozioni e le azioni sbagliate e ci rende capaci di controllarci, suggerendo alla propria mente una valida alternativa.

Il formato è:

Azione, pensiero oppure emozione scorretta + creare consapevolezza + controllarla grazie alla azione corretta

 

Ricerca di attenzione Corrotto Impulsività Perfezionismo
Essere conservativo Sognare ad occhi aperti Indecisione Orgoglio
Essere eccessivamente ambizioso Slealtà Mancanza di concentrazione Egoismo
Essere eccessivamente analitico Immoralità Pigrizia Diffidenza
Vanita´ Impazienza Non essere puntuali Essere disordinato

3. Applicazione per strutturare e formare l’autosuggestione A1

Un esempio mostra di come si può applicare la tecnica di autosuggestione A1 viene dato sotto:Tecnica di Autosuggestione A1

Lo sbaglio/difetto è che si era troppo pigri per lavare i piatti e sono rimasti durante la notte nel lavandino.

  • Perciò secondo la struttura di un’autosuggestione A1, l’autosuggestione sarebbe – Ogni volta che mi sento pigro di lavare i piatti, mi rendo consapevole di ciò, e li lavo immediatamente.
  • L’autosuggestione inizia con “Ogni volta” e poi la parte dell’incidente della causa scatenante (qui essa è “sentirsi pigri di lavare i piatti”).
  • Quindi, la consapevolezza si sviluppa dicendo “Ne prenderò coscienza”, seguita dall’azione correttiva (eccola qui – “e laverò i piatti”).
  • In base al tipo di personalità, la prospettiva corretta può variare leggermente. Per esempio, per certe persone aggiungere immediatamente può aiutare ad agire subito. Dall’altra parte, in alcuni può portare ad ansia, e perciò lo si può evitare.

4. Come decidere quando si seleziona la tecnica di autosuggestione A1

Guardiamo in quali situazioni oppure tipi di sbagli può essere applicata la tecnica A1.

La tecnica A1 può essere applicata per tutte le azioni, pensieri ed emozioni in cui sbagli vengono commessi da se stessi.

Sotto, il significato delle azioni, dei pensieri e delle emozioni scorrette.

Sbagli/Difetti Descrizione
Azione scorretta Uno sbaglio a livello dell’azione succede quando noi commettiamo un atto fisico scorretto, come non fare il letto la mattina, non dividere il nostro cibo favorito con i fratelli, etc.
Pensiero scorretto Un pensiero scorretto succede quando abbiamo un pensiero negativo oppure inadatto non a causa delle situazioni esterne. Per esempio, se una persona sente spontaneamente che non è un buono studente e non avrà successo nella propria vita, senza alcune ragione esterna, si tratta di un pensiero scorretto.
Emozione scorretta Un’emozione scorretta succede quando una particolare emozione e forte nella nostra personalità e tanti pensieri vengono in mente a causa di questa emozione. Per esempio, se preoccuparsi è una forte emozione in una persona, poi questa persona si preoccupa per tante cose casualmente senza alcuno stimolo esterno.

Per favore nota che sopra non sono connesse alle reazioni scorrette. Le reazioni scorrette succedono a causa di stimoli esterni e la tecnica A1 non viene usata per questo. Sommario,

  • Un’azione, un pensiero oppure un´emozione scorretta succede quando noi non reagiamo a un evento esteriore. Se noi abbiamo commesso un’azione sbagliata oppure avuto un pensiero sbagliato oppure un´emozione viene alla mente senza uno stimolo esterno, scegliamo la tecnica A1.
  • Dall’altra parte, una reazione scorretta succede quando un pensiero, un´azione oppure un´emozione scorretta succede in collegamento a una persona oppure ad una situazione. Per esempio, se qualcuno guida piano davanti a noi e diventiamo impazienti, si tratta di una reazione scorretta. (Per tali livelli di reazioni e difetti, riferirsi all’autosuggestione A2).

Selezionando la tecnica A1 noi siamo responsabili per uno sbaglio ed esso a causa di un’azione, di un pensiero oppure di un´emozione scorretta. Il seguente diagramma di flusso mostra visualmente come noi sappiamo quando selezionare la tecnica di autosuggestione A1 per correggere uno sbaglio.

Tecnica di Autosuggestione A1

Ora, usando il diagramma di sopra, l’esempio seguente ci mostra come usarlo per un’autosuggestione A1.

Tecnica di Autosuggestione A1Sbaglio/Difetto: A causa dell’essere disorganizzata, ho dimenticato il mio passaporto a casa e ho realizzato questo solo quando ho raggiunto l’aeroporto. Conseguentemente, non ho potuto prendere il mio volo internazionale.

La prima domanda che dobbiamo rispondere per determinare il tipo di autosuggestione è – quale difetto della personalità è primariamente la causa dello stress nella situazione oppure chi è responsabile per lo sbaglio. Qui è se stesso, dato che ho dimenticato il mio passaporto.

La prossima domanda che poniamo “Lo sbaglio consisteva in un´azione, un pensiero oppure un´emozione scorretta oppure si è trattato di una reazione scorretta?” Qui si tratta di una azione scorretta.

Così, basandoci su quest’analisi, lo sbaglio è dovuto ad un’azione scorretta causata da se stessi, quindi, può essere usata un’autosuggestione A1.

Il formato per comporre un’autosuggestione A1 è:

Azione, pensiero oppure emozione scorretta + creare consapevolezza + controllarla grazie alla corretta azione

Autosuggestione: Ogni volta quando esco di casa per andare all’aeroporto, mi rendo conto di dover controllare se ho il mio passaporto con me e lascio casa solo dopo aver portato con me il passaporto.

5. Esempi di autosuggestioni tipo A1

Certi esempi di autosuggestioni A1 vengono presentati sotto. Essi sono raggruppati in autosuggestioni per azioni, pensieri ed emozioni scorrette.

Auto ipnosi autosuggestioni dall´SSRF

Gli esempi sopra mostrano come possiamo applicare il tipo di autosuggestione A1 nella nostra vita giornaliera. Usare le autosuggestioni A1 ci aiutano ad evitare azioni, pensieri e emozioni scorrette grazie all’aumento della nostra consapevolezza. Le fasi di consapevolezza in relazioni alle azioni scorrette, in particolare vengono descritte nella prossima sezione.

6. Fasi di consapevolezza delle azioni scorrette

Quando facciamo le Autosuggestioni A1 per un’azione scorretta, aumentiamo il livello di consapevolezza passo per passo. Le fasi di consapevolezza delle azioni scorrette le quali noi attraversiamo eseguendo le A1

Le autosuggestioni possono essere progettate a livello della propria consapevolezza:

  1. Consapevolezza dopo aver commesso l’azione scorretta: In questa fase noi ci rendiamo conto che abbiamo fatto uno sbaglio dopo che esso è accaduto
  2. Consapevolezza durante l’azione scorretta: Qui, noi capiamo che stiamo per commettere uno sbaglio mentre commettiamo l’azione scorretta
  3. Consapevolezza prima che lo sbaglio venga commesso ma non essere capaci di fermarlo: Nella fase successiva, siamo consapevoli che un´azione sbagliata sta per succedere prima che la commettiamo, ma non siamo capaci di fermarla
  4. Consapevolezza prima che lo sbaglio venga commesso ed essere capaci di prevenirlo: nell’ultima fase, noi ci rendiamo conto che stiamo per commettere un´azione sbagliata e siamo capaci di fermarci.

Non importa in quale di osservazione dell´azione sbagliata ci troviamo, grazie all’uso dell’autosuggestione A1, possiamo muoverci progressivamente nelle fasi superiori ed eventualmente evitare di commettere degli sbagli. Ritorniamo ad un esempio della sezione precedente per vedere come questo possa succedere nella pratica:

Tecnica di Autosuggestione A1

Sbaglio/Difetto: Ho mangiato l’ultima ciambella al cioccolato anche se Jake non ne aveva provata nemmeno una ed io so che a lui ci piacciano le ciambelle.

  1. Nella prima fase, realizzi lo sbaglio dopo aver mangiato la ciambella.
  2. Nella seconda fase, ti rendi conto che hai fatto uno sbaglio mentre stai mangiando la ciambella.
  3. Nella terza fase, realizzi quando stai prendendo l’ultima ciambella che è uno sbaglio, ma non sei capace di fermare te stesso.
  4. Nella fase finale, realizzi prima di prendere l’ultima ciambella che sarebbe sbagliato, e che Jake non ne ha avuto nemmeno una, e gliela lasci.

7. Applicare la tecnica di autosuggestione A1 per superare le dipendenze e le cattive abitudini

7.1 Superare le dipendenze usando il tipo di Autosuggestione A1

Le azioni sbagliate includono le dipendenze e le cattive abitudini. Questo perché le autosuggestioni A1 possono essere usate per superarle e la spiegazione di come farlo viene illustrata di.

La maggior parte di noi conosce certe dipendenze. Ci sentiamo impotenti quando vediamo un membro della famiglia incapace di uscire fuori dalla dipendenza. Spesso, la gente che ha una dipendenza non è capace ad ammetterlo, e anche se essi ammettono che hanno un problema, non sono capaci di superarlo e sentono che hanno perso il controllo. Sfortunatamente, gli attuali metodi di trattamento hanno notoriamente poco successo, con una probabilità di ricaduta per alcune droghe di più del 90% (Smyth, 2010). Applicando i rimedi di guarigione spirituale appropriatamente e le autosuggestioni A1, la probabilità di successo per il trattamento per la dipendenza può migliorare significativamente e una persona con una dipendenza può superarla.

Dato che le dipendenze sono azioni sbagliate, l’autosuggestione che facciamo dipendente dal nostro livello di consapevolezza secondo la sezione 5. Esempi di autosuggestioni che per superare la dipendenza da fumo in ogni stato di consapevolezza sono dati sottostanti.

Tecnica di Autosuggestione A1

  1. Consapevolezza dopo aver fumato: Ogni volta che fumo una sigaretta, mi rendo conto degli effetti negativi del fumo.
  2. Consapevolezza mentre si fuma: Ogni volta mentre fumo una sigaretta, mi rendo conto degli effetti negativi del fumo e finisco di fumare.
  3. Consapevolezza prima di fumare ma non essere capace di fermarsi: Ogni volta che sto fumando una sigaretta, mi rendo conto dell´effetto negativo del fumo e metto la sigaretta da parte.
  4. Consapevolezza prima di aver fumato ed essere capaci di fermarsi: Ogni volta che avverto il desiderio di fumare una sigaretta, mi rendo conto dell´effetto negativo e sono capace di superare il mio desiderio.

Chiunque tenta di smettere di fumare può valutare a quale livello di consapevolezza è, e formulare la corrispondente Autosuggestione. Non appena aumenta il livello di consapevolezza, l’Autosuggestione può essere cambiata. Le Autosuggestioni per altre dipendenza come l’alcol, droghe, gioco, etc. possono essere strutturate in maniera simile.

7.2 Superare il balbettare

Tecnica di Autosuggestione A1Puoi immaginare te stesso mentre ti avvii a un colloquio. Sta andando meglio di come te lo eri aspettato e stai rispondendo bene a tutte le domande del tuo intervistatore. Ma poi, il tuo cuore sprofonda quando realizzi che l´intervistatore ti sta per domandare qualcosa a cui non saprai rispondere appropriatamente. Cerchi di rispondere, e mentre lo fai, inizi a balbettare giusto perché sai che lo fai. Con una sensazione di disperazione, realizzi che forse non riceverai il lavoro a causa di questo unico errore.

Le cattive abitudini possono essere la fonte di tanto imbarazzo e consumano l’energia mentale di una persona. Come ci mostra l’esempio sopra, essi possono avere anche delle conseguenze più drastiche, come ostacolare la crescita della carriera. Tanti che soffrono di tali abitudini vogliono veramente superarle, nonostante le difficoltà incontrate nel provare a superarle da soli con degli sforzi coscienti. Questo perché la gente spesso agisce senza la cosciente consapevolezza di tali brutte abitudini. Per esempio, qualcuno si mangia le unghie quando ha dello stress e realizza questo solo quando guarda dopo le proprie unghie. Anche se la persona è consapevole che si mangia le unghie, il desiderio subconscio di fare questo può essere così forte, che supera qualsiasi cosciente intenzione di interrompere la brutta abitudine. La tecnica di Autosuggestione A1 può essere usata per superare effettivamente tali brutte abitudini. Le brutte abitudini sono anche delle azioni sbagliate, così le Autosuggestioni possono essere strutturate a secondo il livello della consapevolezza simile come noi abbiamo strutturato per la dipendenza nella sezione 7.1. Esempi di Autosuggestioni che possono essere usati per la brutta abitudine del balbettare sono dati sotto.

  1. Consapeveolezza dopo aver balbettato: Ogni volta che dico “t-t-t” dopo aver parlato velocemente, me ne rendo conto.
  2. Consapevolezza mentre si balbetta: Ogni volta che dico “t-t-t” mentre parlo velocemente, me ne rendo conto e sono capace di correggerlo. Poi prendo un respiro e parlo appropriatamente.
  3. Consapevolezza prima di aver balbettato ma non essere capace di fermarsi: Ogni volta che sto per dire “t-t-t” mentre parlo velocemente, mi rendo conto dello sbaglio che sto per commettere, e mi correggo.

Nel caso del balbettare, non c’è una quarta fase di consapevolezza perché la persona non sa consciamente di ricevere il pensiero che balbetterà. Il testo “parlare velocemente” può essere cambiato a seconda della causa del balbettare nella persona. Per esempio, se c’è un particolare suono il quale la persona non è capace di dire senza balbettare come la lettera “b”, poi questo può essere menzionato nell’Autosuggestione.

Se una persona soffre a causa del balbettare oppure a causa di un’altra brutta abitudine, essa può essere superata grazie alla composizione delle Autosuggestioni come sopra. Noi possiamo valutare quante fasi di consapevolezza ci sono per le brutte abitudini e fare le Autosuggestioni di conseguenza.

8. Conclusione

Quando iniziamo a correggere le azioni, pensieri ed emozioni, le nostre relazioni, interazioni ed atteggiamenti cambiano in meglio. Come l’ammiraglio della marina militare del US H. Mc Raven, disse, “Se tu vuoi cambiare il mondo inizia a migliorare te stesso.” La tecnica di Autosuggestione A1 aiuta a dare lo stimolo positivo necessario alla mente per fare il cambiamento. Perciò, la mente inizia a purificarsi e fa l’esperienza della positività. Noi t’incoraggiamo ad applicare la tecnica, così potrai provare l’esperienza dei benefici di una personalità più positiva in prima persona.