Meccanismo di azione della risoluzione come potere nell´universo

Il meccanismo d’azione della risoluzione verrà illustrato nel seguente esempio.Meccanismo di azione della risoluzione come potere nell´universo

Supponiamo di considerare l’energia mentale pari a 100 unità. Le nostre menti sono inondate di pensieri durante tutto il giorno. I pensieri ruotano su molti aspetti della nostra vita. Ad esempio, potremmo avere pensieri su di un certo evento in ufficio o in famiglia o su cosa intendiamo fare nel fine settimana, cioè pensieri come devo andare in ufficio, devo fare questo lavoro o devo incontrarmi con questa persona. Una certa quantità di energia delle 100 unità viene consumata ad ogni pensiero e nel suo compimento. Siccome i pensieri durante il giorno sono parecchi una grande quantità di energia viene consumata.

Quando una persona inizia la pratica spirituale, la sua impressione va a crearsi nella mente inconscia. Fare riferimento ai seguenti articoli che spiegano questo argomento:

Con il crescere della pratica spirituale, questa impressione è viene ulteriormente rafforzata e, con il metodo della deflezione, i pensieri inutili e involontari vengono automaticamente ridotti. Questo rafforza ulteriormente il percorso spirituale quando si incominciano ad accumulare le esperienze spirituali di Dio che si prende cura della propria vita. Così, sia l’ansia che la percezione di essere ‘l’operatore delle proprie azioni’ sugli eventi della propria vita iniziano a diminuire proporzionalmente. L’avere meno senso di operatività sulle azioni della nostra vita avviene rendendosi conto che Dio sta facendo di tutto per prendersi cura di tutto ciò che è la nostra vita allorquando intensifichiamo il nostro servizio spirituale e ci sacrifichiamo a Lui.

Come risultato, ad elevati livelli spirituali, ad es., al di sopra del 70%, una persona si proietta verso uno stato di assenza di pensieri. In questo stato di non pensiero se la persona dovesse generare un pensiero come “questo evento si può verificare” allora le 100 unità di energia convoglieranno unicamente su quel pensiero che verrebbe trasformato in realtà. Se questo pensiero riguardasse la Verità Assoluta allora la pratica spirituale non verrebbe sprecata con esso. Il Signore stesso adempie a questa missione che è la sua stessa missione, cioè la diffusione della Verità Assoluta.