Aiutano i canti natalizi a crescere spiritualmente?

1. Introduzione – Canzoni natalizie e crescita spirituale

Nel periodo natalizio, è dura non perdersi nel calore e confuso sentimento che la stagione festiva porta con sè e le canzoni natalizie giocano un significante ruolo nell’arrangiamento del gioioso sentimento. In tutte le case sulla terra, le canzoni natalizie riempiono l’aria mentre le famiglie sistemano i loro alberi di Natale ed eseguono altre attività nella preparazione del Natale. È un periodo in cui le canzoni natalizie vanno da strada in strada in ogni quartiere portando della vita con la loro musica. Cori e congregazioni in Chiese cantano le canzoni in onore della nascita di Gesù Cristo. Giusto come segnale, arriva il mese di dicembre, centri commerciali assicurano che lo spirito festivo sia vivo e che della musica natalizia venga suonata nei locali sperando di convincere gentilmente i clienti a spendere di più durante la stagione festiva.

Chiaramente, le canzoni natalizie sono sinonimi della stagione natalizia, e la stagione sembrerebbe molto meno festiva senza esse. Quando le persone pensano alla musica, esse raramente pensano al valore spirituale oppure al significato spirituale a meno che non sia un inno oppure canzoni natalizie. Tuttavia, per una delle più festeggiate feste intorno alla terra la quale ricorda e onora la nascita di Cristo, aggiungono le canzoni natalizie della sacralità alla festa? Qual è il valore spirituale delle canzoni natalizie che provvedono bilioni di persone che le ascoltano nel mese di dicembre?

Prima di rispondere a questa domanda, ci prendiamo un momento per introdurre l’organizzazione coinvolta in questa ricerca.

2. Contesto della ricerca spirituale nella musica

Aiutano i canti natalizi a crescere spiritualmente?La Maharshi Adhyatma Vishwavidyalay (conosciuta anche come Maharshi University of Spirituality oppure MAV) e la Fondazione della Scienza sulla Ricerca Spirituale sono delle organizzazioni senza scopo lucro fatte da volontari di tutto il mondo che si sono dedicati ad un obbiettivo comune: il progresso spirituale e la ricerca della verità. Uno degli obiettivi principiali di entrambe le organizzazioni è quello di valutare e esaminare come le nostre decisioni e la routine giornaliera ci affliggono al livello spirituale. Perciò il loro team di ricerca esegue vari esperimenti e progetti di ricerca nel Centro di Ricerca Spirituale e Ashram a Goa, India. Il team di ricerca spirituale all’Università della Spiritualità Maharshi ha 37 anni di esperienza di ricerca spirituale.

Aiutano i canti natalizi a crescere spiritualmente?

Questa ricerca include la comprensione del sottile effetto della musica e della danza ed è uno degli aspetti principali della nostra ricerca. Abbiamo un reparto della musica che conduce vari esperimenti su base giornaliera per capire e differenziare il sottile effetto della musica, il suono di vari strumenti musicali e l’impatto che hanno sull’ambiente. La ricerca è stata condotta usando lo scanner dell’aura e della sottile energia insieme l’avanzato sesto senso dei cercatori nel team della ricerca spirituale per valutare e esaminare la musica dalla prospettiva spirituale. L’obbiettivo è di capire come la composizione della musica possa essere fatta in modo da poter emanare vibrazioni spiritualmente positive a prescindere dalla cultura e dalla diversità.

Il simbolo della musica (che emana delle vibrazioni più pure) dovrebbe consistere in canzoni devote le quali includono l’inno dei canti natalizi, bhajans, shlokas, etc. Tuttavia, in pratica, questo non è sempre vero perché ci sono un numero di fattori i quali influenzano la purità spirituale della composizione di una musica. Per accedere ad una ulteriore visione di questi fattori, abbiamo condotto numerosi esperimenti sulla musica. In relazione alla musica devozionale, in particolare in relazione ai canti natalizi, due tali esperimenti vengono mostrati sotto.

3. Esperimento 1 – L’effetto sottile dei canti natalizi eseguiti dal vivo

Contesto

  • Alla fine del 2018, una cercatrice che era solita cantare professionalmente è andata al Centro di Ricerca Spirituale e Ashram a Goa, India per un workshop Spirituale di 5 giorni. Lei ci disse che è una cantante qualificata e noi le abbiamo chiesto se volesse partecipare a degli esperimenti con della musica. Il team di ricerca è specialmente interessato all’effetto quando una persona canta/esegue dal vivo. Ascoltare la musica registrata è facile e studiarne l’effetto sugli ascoltatori, ma qui abbiamo avuto l’opportunità di studiare l’effetto di vari generi eseguiti dal vivo su entrambi, sull’esecutore e sugli ascoltatori.
  • L’SSRF e il MAV hanno studiato insieme il sottile effetto di 6 generi di musica cantata da lei e l’effetto sul pubblico al livello spirituale. I generi erano Jazz, pop, pop lirica, canti natalizi e reggae.
  • In questo articolo descriviamo l’esperimento in cui lei ha eseguito dei canti natalizi, il pubblico era condotto da cercatori che risiedano nel Centro di Ricerca Spirituale e Ashram.
  • Attraverso il sesto senso, noi abbiamo accertato che la cercatrice che eseguiva (anche se aveva una voce bellissima) soffriva di distress spirituale. In questo esperimento, noi volevamo vedere varie dinamiche che vanno in scena con tali musicisti, il genere di musica e il pubblico.

Metodologia

  • Lei eseguì 3 canti natalizi – “Silent night”, “Come all Ye Faithful” e “Away in a manger”. Lei cantò queste canzoni di continuo per 30 minuti in totale. Noi abbiamo scelto per lei soltanto delle canzoni natalizie devozionali al contrario delle non devozionali come Jingle Bells. Questo perché abbiamo ipoteticamente pensato che i canti devozionali natalizi emettono delle vibrazioni più pure.
  • Abbiamo richiesto a lei di cantare davanti a due separate udienze, per esempio cercatori (come l’intrattenitore) che soffrono di distress spirituale ed altri che non ne soffrono, il che vuol dire che sono spiritualmente positivi. Riferirsi all’articolo su “Cos’è il distress spirituale?”.
  • Per analizzare l’effetto su entrambi: sulla musicista e sul pubblico, il team della ricerca spirituale ha usato l’avanzato sesto senso con uno scanner dell’aura e dell’energia, conosciuto come Thermo Scanner Universale (UTS).

Aiutano i canti natalizi a crescere spiritualmente?Il Thermo Scanner Universale (UTS) conosciuto anche come Scanner dell’Aura Universale è stato usato per prendere le letture sia sulla musicista che sui membri del pubblico selezionato. L’UTS è uno strumento sviluppato dal Dr. Mannem Murthy (il primo scienziato nucleare) e viene usato per misurare l’energia sottile (positiva e negativa) e l’aura intorno qualsiasi oggetto (vivente oppure non vivente). Le letture UTS hanno dato delle informazioni sull’aura negativa, sull’aura positiva e sulla misurazione dell’aura intorno alla musicista e ai membri del pubblico. Per favore riferisciti all’articolo sulla Metodologia delle letture UTS per imparare di più su come le letture UTS vengono effettuate e cosa esse intendono (arriva presto).

Conclusioni principali

Letture UTS : In tutti i 6 generi, l’aura della musicista è diventata più positiva dopo aver cantato davanti ai cercatori che sono positivi, mentre l’aura dei cercatori che erano positivi è diventata più negativa mentre l’ascoltavano.

Nel contrasto, quando si è esibita davanti ai cercatori che hanno del distress spirituale, l’aura negativa di entrambi, dell’intrattenitrice e del pubblico è aumentata in cinque dei sei generi. L’unica eccezione era il genere del canto natalizio dove l’aura dell’intrattenitrice diventò più positiva, ma l’aura dei cercatori con del distress spirituale che l’ascoltavano diventò più negativa. Per favore riferirsi al diagramma sottostante per un sommario dei risultati del sottile effetto su entrambi, sull’esecutrice e sul pubblico.

Aiutano i canti natalizi a crescere spiritualmente?Letture sesto senso : Entrambi i campioni  di pubblico, dato che essi erano dei cercatori, ed avendo la sottile abilità e attraverso il loro sesto senso, percepivano delle vibrazioni negative che venivano emesse dall’esibizione. Queste letture con il sesto senso sono state confermate dalle letture dell’UTS. Uno dei cercatori del team della ricerca spirituale ha percepito che la composizione musicale e l’energia negativa nell’intrattenitrice in realtà emanavano dell’energia nera attraverso l’esibizione, perciò affliggeva il pubblico negativamente.

Sottile analisi e ulteriore ricerca

Stranamente, (diversamente dagli altri generi) l’aura negativa della cantante in effetti si riduceva dopo aver cantato non solo di fronte ai cercatori positivi, ma anche di fronte ai cercatori con del distress spirituale. È stato scoperto attraverso l’avanzato livello del sesto senso che la ragione per questo era che la cantante aveva dell’emozione spirituale (Bhāv) che si era risvegliata mentre cantava per via della sensazione della presenza di Dio attraverso il significato delle parole, e questo ha avuto un effetto positivo  sulla sua aura. Così avendo l’emozione spirituale ha aiutato la musicista spiritualmente al livello personale.

Dall’altra parte la composizione musicale emanava delle vibrazioni negative e questo aveva un sottile  effetto dannoso sul pubblico. Insieme a questo, il distress d’energia negativa della cantante ha giocato una parte nell’emissione delle vibrazioni negative. Tuttavia, per via del risveglio dell’emozione spirituale nella cantante, la sua energia negativa non poteva essere attiva.

Conclusioni fondamentali : Questo mostra l’importanza dell’emozione spirituale nel provvedere alla protezione di un cantante anche attraverso la composizione della musica devozionale che può emettere delle vibrazioni negative.

Queste scoperte sono state piuttosto scioccanti, specialmente in relazione alla possibilità che i canti natalizi affliggono dannosamente il pubblico al livello spirituale e questo solleva delle domande, le quali sono state elencate sotto.

  1. Normalmente, si presume che la musica devozionale abbia un effetto positivo sul pubblico. Sono le vibrazioni negative percepite durante l’esibizione della cantante un caso isolato oppure qualcosa che può solitamente ripetersi quando noi ascoltiamo della musica devozionale?
  2. Soffrono i cantanti dei canti natalizi nella società anche di distress spirituale e se è così in quale proporzione ne sono afflitti, e affliggono essi il pubblico in generale?
  3. Esiste una differenza tra le canzoni natalizie devozionali e le canzoni natalizie non devote in termini di sottili vibrazioni?
  4. Quanto spesso i cantanti delle canzoni natalizie hanno determinato l’esperienza dell’emozione spirituale in altri mentre cantavano? Potrebbero eventualmente ridurre qualsiasi possibile impatto negativo?

Con queste domande in mente, il team della ricerca spirituale, ha eseguito un altro esperimento in relazione all’effetto sottile delle canzoni natalizie.

4. Esperimento 2 – L’effetto sottile sul guardare i video dei canti natalizi

Conclusione

L’obiettivo di questo esperimento era di capire il sottile effetto dei cori sul pubblico, nelle Chiese e in altri intrattenitori che cantano canzoni natalizie :

  1. Non avevano del distress spirituale
  2. Il pubblico aveva del distress spirituale

La ragione del perché noi abbiamo scelto due tipi di pubblico è perché è stato osservato che quando le persone soffrono di distress spirituale possono  significantemente influenzare sia il cantante che il pubblico. La ricerca spirituale ha mostrato che più dell’80% della popolazione sulla terra è afflitta da distress spirituale.

Metodologia

  • L’effetto di due categorie di canti natalizi, devozionali e non devozionali, sono stati studiati su due campioni, uno con del distress spirituale e l’altro senza.
  • Ogni tipo di categoria di canto natalizio è stato mostrato per 30 minuti.
  • Normalmente, le persone che guardano i canti natalizi dal vivo  lo fanno in Chiesa, così l’SSRF e il MAV ha voluto studiare l’effetto dei canti cantati in tali scenografie da differenti intrattenitori. Per simulare scenari realistici mentre ascoltavano i canti natalizi, il pubblico era esposto a dei video dei canti natalizi. I video dei canti devozionali natalizi erano delle semplici registrazioni audio con delle statiche illustrazioni.
Elenco dei brani delle canzoni devozionali natalizie Elenco dei brani delle canzoni natalizie non devozionali
1. Hark! The Herald Angels Sing 1. We wish You a Merry Christmas
2. The First noel 2. Jingle Bells
3. Away in a Manger 3. Santa Claus is Coming to Town
4. Joy to the World 4. Feliz Navidad
5. Silent Night 5. Winter Wonderland
6. O Holy Night 6. Frosty the Snowman
7. 12 Days of Christmas
8. Deck the Halls
9. Jingle Bell Rock
10. The Little Drummer Boy (Peace on Earth)
  • Sono stati eseguiti 4 esperimenti ed essi sono rappresentati nel diagramma sottostante.Aiutano i canti natalizi a crescere spiritualmente?
  • Simile all’esperimento di sopra, l’UTS è stato usato per prendere le letture delle aure dei cercatori prima e dopo aver guardato il video dei canti natalizi.
  • Insieme a questo, abbiamo domandato ai cercatori di fare l’esperienza percepita al livello sottile basato sulla loro abilità del sesto senso. Essi hanno dato il loro feedback in termini di un sondaggio dove hanno valutato le loro esperienze sulla scala della positività oppure negatività +/-10.
  • Ci è stata 1.5 ora di pausa tra la parte devozionale e la non devozionale dell’esperimento per permettere al pubblico di ritornare alla sua linea di base.

4.1 Lettura presa con l’UTS

  1. Attraverso la tabella si nota che sia i canti natalizi devozionali che non devozionali hanno avuto un effetto negativo sull’aura dei cercatori, che è stata misurata usando l’UTS.
  2. Effetto sui cercatori positivi :
    1. Le letture dei cercatori positivi mostravano più costanza in termini di afflizione negativa dai canti natalizi.
    2. La lettura negativa dell’ IR aura (la quale indica uno strato di energia nera), aumentò con i canti non devozionali (78%) contrariamente ai canti natalizi devozionali (58%).
    3. Tuttavia, i canti natalizi devozionali avevano un impatto più significativo sulla loro aura positiva che i non devozionali. I canti devozionali natalizi hanno ridotto l’aura positiva di questi cercatori nella media del 49%, mentre i canti non devozionali hanno ridotto la loro aura positiva del 37%. I canti devozionali natalizi hanno esaurito la loro aura positiva ad una alta estensione.
    4. Una significante scoperta era anche che il Santo presente nel pubblico dei cercatori positivi ha sviluppato una IR aura negativa dopo aver guardato entrambe le categorie dei canti natalizi ciascuno di 30 minuti.
    5. Stranamente, l’esibizione dal vivo del cantante del primo esperimento non ha esaurito l’aura positiva dei cercatori positivi così tanto come il video che rappresentava dei cori nella Chiesa e dei cantanti professionali che cantavano canti natalizi. Questo perché l’emozione spirituale si era risvegliata nella cantante dato che lei è una cercatrice e pratica la Spiritualità.
  3. Effetto suoi cercatori con del distress spirituale : 
    1. Le letture dei cercatori con del distress spirituale mostrano meno costanza in termini di come essi vengono afflitti negativamente dai canti natalizi. Certi hanno avuto un impatto più negativo dai canti natalizi devozionali, mentre altri hanno avuto un impatto maggiore dai non devozionali.
    2. I cercatori con del distress spirituale erano afflitti in un modo più negativo dai canti natalizi che i cercatori positivi. Inoltre, le loro negative UV aura (indicanti del severo distress spirituale) erano aumentate significativamente dopo aver guardato entrambi i video devozionali e non devozionali.
    3. In generale, i canti natalizi non devozionali sembravano avere afflitto negativamente l’aura del pubblico ad una estensione molto più alta rispetto ai devozionali. Nella media, l’aumento della negativa IR aura era del 31% in più nel caso dei canti devozionali natalizi e 43% in più nel caso dei canti natalizi non devozionali. Questo indica un impatto maggiore dei canti natalizi non devozionali sui cercatori con del distress spirituale.
    4. Cercatori con del distress spirituale che hanno cantato i canti natalizi hanno avuto un impatto maggiore in senso negativo.
    5. Dato che i cercatori non avevano dall’inizio un’aura positiva, non è stato possibile verificare l’effetto sulla loro aura positiva.

4.2 Sondaggio di resoconto dai cercatori dopo aver visto dei video sui canti natalizi

 Visualizzazione dei canti natalizi rappresentata dai cori nella Chiesa e cantanti professionisti,

  • 100% dei 16 cercatori positivi hanno preso parte all’esperimento, ed hanno fatto l’esperienza delle vibrazioni negative.
  • 100% dei 5 cercatori del team di ricerca spirituale hanno fatto l’esperienza delle vibrazioni negative.
  • 86% dei cercatori che avevano del distress spirituale hanno fatto l’esperienza delle vibrazioni negative.
  • Attraverso il sesto senso è stato scoperto che nel caso dei cercatori con del distress spirituale che si sentivano positivi mentre ascoltavano i canti natalizi, in realtà mostravano una risposta all’energia negativa in essi che dava loro l’illusione di sentirsi positivi.
  • I cercatori che avevano familiarità   con le canzoni erano dei Cattolici Romani oppure Cristiani Ortodossi e in essi è avvenuta una incisione presumibile meno negativa che gli altri che non avevano familiarità con tali canzoni.
  • Il fatto interessante è che alcuni cercatori non subivano un effetto negativo per via dei canti natalizi  grazie alla loro affinità culturale con i canti, le loro letture UTS erano così negative come le letture degli altri cercatori. Questo mostra che la percezione psicologica della musica non è necessariamente in relazione al concreto impatto spirituale.

Inoltre, i seguenti sono dei commenti fatti dai cercatori nel pubblico quando guardavano i video dei canti natalizi.

  1. Mi sentivo annoiato.
  2. Sentivo che l’esibizione era spiritualmente finta e non aveva niente a che vedere con la devozione a Gesù.
  3. Sentivo dell’ego da parte degli intrattenitori quando essi si muovevano intorno al palco. Il modo in cui interagivano certi musicisti con i loro strumenti e il pubblico erano egoistici.
  4. I canti natalizi non devoti sembravano giusto voler intrattenere con nessuna associazione con il vero significato del Natale.
  5. La melodia mi è rimasta in testa, e ha portato i miei pensieri via dalla pratica spirituale.
  6. Ho percepito che certi intrattenitori avevano del distress spirituale.
  7. Ho percepito che certi intrattenitori erano più al livello psicologico che al livello spirituale.
  8. Ho percepito delle vibrazioni negative dall’esibizione musicale.
  9. All’energia negativa in me piaceva la musica ed acquistava dell’energia negativa da essa. (Questo è stato detto dai cercatori che soffrivano di distress spirituale.)
  10. Gli occhi dei cercatori che avevano del distress negativo e hanno preso parte all’esperimento, sono cambiati dato che l’energia negativa iniziava a manifestarsi mentre ascoltava la musica.

Nei due esperimenti menzionati sopra, noi abbiamo visto che i canti natalizi hanno un significante impatto negativo sul pubblico. Perché è così? Dopo aver intrapreso la ricerca spirituale, e quando le letture sono state così negative anche attraverso la musica devozionale, noi abbiamo ottenuto la seguente Conoscenza Divina.

5. Introduzione alla ricerca spirituale nella musica in relazione alla musica devozionale

Il suono (naad) e la musica sono derivati dall’Assoluto Principio dell’Etere (Akashtattva), il più potente e sottile dei cinque principi cosmici. Perciò, esso ha l’abilità di creare le sottili vibrazioni che possono avere un significante impatto sul musicista, sul pubblico, sullo strumento musicale e sull’ambiente. L’SSRF e il MAV conducono un’approfondita ricerca spirituale nella musica e alcune delle conclusioni preliminari vengono illustrate sotto, le quali sono rivelanti anche per quanto  riguarda la musica devozionale.

1. Livello spirituale : Il livello spirituale di un musicista oppure cantante gioca un ruolo importante nel tipo di vibrazione spirituale emessa dall’esibizione. Se l’intrattenitore ha un alto ego oppure un livello spirituale basso, poi l’esibizione emanerà delle vibrazioni negative. Diversamente, se l’intrattenitore ha un livello spirituale alto, la sua esibizione emanerà delle  vibrazioni spirituali positive. Il livello spirituale di una persona può essere soltanto aumentato se si pratica la pratica spirituale conforme ai principi spirituali universali base.

Nel video dei canti natalizi che abbiamo mostrato, è stato osservato che certi degli artisti in realtà volevano dell’apprezzamento. Quando noi cantiamo una canzone devozionale con questa intenzione, poi le vibrazioni saranno invariabilmente negative.

L’emozione spirituale per Dio è l’ingrediente principale che aiuta a generare le vibrazioni positive, specialmente in qualsiasi esibizione dei canti devozionali. Tuttavia, è stato osservato che i cantanti nel video erano più interessati ad intrattenere e a divertire il pubblico che a vivere dell’emozione spirituale oppure comunione con Dio oppure il Divino. Essere capace di raggiungere alte note e mostrare il proprio talento musicale non equivale alle positive vibrazioni spirituali. Nel caso del primo esperimento, noi abbiamo visto di prima mano come un intrattenitore pur soffrendo di distress spirituale, abbia beneficiato della positività per via della sua emozione spirituale. Questo anche attraverso la musica stessa che emanava delle vibrazioni negative. Questo mostra l’importanza del cantare con emozione spirituale per Dio.

2. Lo stato spirituale : Lo stato spirituale dei musicisti (per esempio se essi sono spiritualmente positivi oppure se soffrono da distress spirituale) affliggerà le sottili vibrazioni emesse dalla loro musica. Questo vuol dire anche se due musicisti eseguono esattamente lo stesso pezzo musicale, accompagnato con lo stesso esatto sfondo musicale, le vibrazioni sottili dall’esibizione possono differenziarsi in base al loro stato spirituale. In entrambi gli esperimenti, il team della ricerca spirituale ha percepito delle vibrazioni negative che venivano emesse non solo dalla musica ma anche dall’energia negativa  che affligge gli intrattenitori. In questo primo esperimento, la lettura dello strumento UTS sull’intrattenitore ha confermato questi risultati.

Lo stato attuale del mondo è che la maggior parte delle persone sono afflitte se non possedute dalle energie negative. In un coro, se le persone sono afflitte oppure possedute dalle energie negative, poi gli effetti sono multipli e contrari agli effetti di una esibizione di un solista.

3. La lirica : La lirica dei canti natalizi devozionali ha più vibrazioni spirituali positive contrarie ai non devozionali.

4. La composizione musicale : I vari elementi della musica accompagnatrice come il ritmo, la melodia e l’armonia contribuiscono al totale delle sottili vibrazioni emesse dalla composizione musicale. I nostri risultati su come fare della musica spiritualmente più pura, ci danno indicazioni sul fatto che probabilmente la musica Indiana che emana delle vibrazioni spiritualmente più positive per via delle melodie piuttosto che essere focalizzate sulla’armonia. Questa è una delle ragioni osservate per cui la musica occidentale ha meno vibrazioni spirituali positive dato che essa è più concentrata sull’armonia.

Delle due : liriche contro la composizione musicale, il modo in cui la musica viene composta ha una maggior influenza sulle sottili vibrazioni emesse dall’esibizione. La lirica oppure le parole non sono al livello dell’Assoluto Principio del Fuoco mentre la composizione musicale è al livello dell’Assoluto Principio dell’Etere. L’Assoluto Principio dell’Etere è più sottile che l’Assoluto Principio del Fuoco, e per questo più potente. Così, anche se le parole sono state scritte in una maniera spiritualmente pura, se la musica d’accompagnamento non è spiritualmente pura, essa emanerà principalmente delle vibrazioni negative.

5. Strumenti musicali : tra i tre tipi di strumenti, per esempio, la trombetta e gli strumenti a percussione, è stato trovato che il suono degli strumenti a vento come l’Indiano Bansuri (flauto) fatto con del bambù emette le maggiori vibrazioni sottili positive. Quando il team di ricerca spirituale ascoltava alcuni canti natalizi, esso si sentiva come se l’accompagnamento della musica avesse una lirica e drammatica percepita da essi. Questo generava delle vibrazioni negative dall’esibizione.

6. L’uso delle attrezzature sceniche, vestiti, etc. : Qualsiasi cosa ha il potenziale di aggiungere oppure di sottrarre della positività che le canzoni devozionali vogliono fornire. Questo include gli aspetti come i vestiti dell’esibizionista, la sua acconciatura di capelli, il design del palcoscenico e le apparecchiature, il locale dove è stato cantato, etc. Per esempio, certi dei cantanti tenevano in mano delle candele. Le fiamme delle candele di cera di paraffina oppure anche la cera d’api emanano delle vibrazioni negative. Avendo centinaia di tali candele, l’ambiente viene infettato con le loro vibrazioni negative. Un altro esempio è quando gli intrattenitori indossano del nero. Il nero è il colore spiritualmente più impuro ed esso aumenta il distress dell’energia nera negli intrattenitori e attrae le vibrazioni da distress verso di essi. A meno che non venga fatta attenzione su tali dettagli, essi possono finire con il compromettere la positività spirituale dell’esibizione.

6. Commenti finali sui canti natalizi e sulla musica devozionale

Noi viviamo in un mondo dove il materialismo è diffuso e qualsiasi cosa ruota intorno al piacere dei nostri sensi. Questi ethos hanno sfortunatamente pervaso ogni religione e Spiritualità, i quali sono intesi essere i sentieri con cui le persone superano il materialismo e cercano il Divino. Di conseguenza, le pratiche spirituali come il cantare delle canzoni devozionali come i canti natalizi sono sempre più spesso degli intrattenimenti piuttosto che dei mezzi con cui ricordare il vero obiettivo spirituale della festa. Gli esecutori stessi non praticano la pratica spirituale e perciò invariabilmente emanano delle vibrazioni negative dalle loro esibizioni anche se attraverso il loro canto affascinano il pubblico.

I risultati nell’articolo di sopra possono  forse essere duri da credere, ma questo è in realtà lo stato del mondo in relazione alla musica devozionale come i canti natalizi. La maggior parte della gente non è capace di capirlo per via della mancanza dell’attivato sesto senso, il quale è necessario per percepire le sottili vibrazioni da una esibizione. Solo quando il proprio sesto senso viene attivato attraverso la pratica spirituale, si sarà capaci di capire veramente e di fare l’esperienza della ricerca sulla musica devozionale presentata in questo articolo.

Secondo la scienza della Spiritualità, la musica è pensata per essere usata dai devoti come medium per crescere spiritualmente verso Dio. Anche nel mondo di oggi, questa sacra e ideale idea sulla musica è difficilmente conosciuta, consente solamente di essere praticata. Crescere spiritualmente attraverso la musica è solo possibile quando l’intrattenitore pratica la pratica spirituale secondo la guida di una guida spiritualmente evoluta (Guru). Grazie ad essa, è capace di praticare gli aspetti spirituali della musica e di eseguirla sinceramente con devozione così che sia lui che il pubblico abbiano un beneficio spirituale dalla sua esibizione.